Wednesday 20, Sep 2017

Lavori di pubblica utilità

Il Lavoro di Pubblica Utilità è una sanzione penale consistente nella prestazione di una attività lavorativa non retribuita a favore della collettività da svolgere presso lo Stato, le Regioni, le Province, i Comuni o presso Enti e organizzazioni di assistenza sociale o volontariato.

L’attività lavorativa può essere svolta presso gli Enti che hanno sottoscritto apposite convenzioni con il Ministero della Giustizia o con i Presidenti dei Tribunali delegati dallo stesso Ministero.

Gli oneri per la copertura assicurativa contro gli infortuni e le malattie professionali, nonché per la responsabilità civile verso terzi sono a carico dei soggetti sottoscrittori delle convenzioni che fruiscono della prestazione lavorativa gratuita.

La Legge di Bilancio 2017 prevede che gli enti pubblici e le Organizzazioni di Volontariato che accoglieranno le persone per lo svolgimento di lavori di pubblica utilità siano esonerati dalla spesa per l’assicurazione contro gli infortuni e le malattie professionali grazie all’incremento di un fondo istituito presso il Ministero del lavoro e delle politiche sociali.

Il soggetto promotore (Enti e organizzazioni di assistenza sociale o volontariato) dovrà richiedere all'INAIL, mediante il modulo di denuncia di variazione, se già titolare di una posizione, o mediante il modulo di denuncia d'iscrizione se non è già titolare di una posizione assicurativa, l'attivazione della copertura assicurativa a valere sulle risorse disponibili dell'apposito fondo nazionale.

La denuncia di variazione o d'iscrizione deve essere inoltrata alla sede INAIL competente, almeno 10 giorni prima dell'inizio dell'attività lavorativa della persona ammessa al lavoro di pubblica utilità. Alla denuncia predetta dovrà essere allegato il provvedimento giudiziario (ordinanza o sentenza) che stabilisce la misura del lavoro di pubblica utilità, nonché copia della convenzione che disciplina le modalità di svolgimento del lavoro.

L'INAIL comunicherà sulla mail PEC del soggetto assicurante (Enti e organizzazioni di assistenza sociale o volontariato) l'attivazione della copertura assicurativa. In caso di esaurimento del fondo l'INAIL non consentirà l'attivazione della copertura assicurativa.

Circolare INAIL 8/2017 Copertura assicurativa dei soggetti impegnati in attività gratuite di pubblica utilità

D.M. 26 marzo 2001 Norme per la determinazione delle modalità di svolgimento del lavoro di pubblica utilità

 

Per maggiori informazioni:
Marco Calzamiglia
0321.33393
progetti@ciesseti.eu

 

Area: 
Top